Moto itinerario: DA ISERNIA AD AVEZZANO ATTRAVERSO IL PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO

La distanza totale è:
Estendi il raggio di ricerca hotel a: 50 km

Centra mappa Nascondi BH

Potete muovervi sulla mappa usando le frecce o trascinando la mappa con il mouse, usare lo zoom cliccando sul + o sul - sulla sinistra della mappa e le opzioni "mappa" "satellite" o "ibrida" per cambiare il tipo di visualizzazione.

Clicca sulle icone della legenda per visualizzare la singola categoria.

Legenda:

  •  Hotel Hotel
  •  B&B Bed & Breakfast
  •  Agriturismo Agriturismi
  •  Residence Residence
  •  Albergo Albergo
  •  Centro turistico Centro turistico
  •  Case vacanza Case vacanza
  •  Ostello Ostello
  •  Camping Camping
  •  Rifugio Rifugio
  •  Garnì Garnì
  •  Affittacamere Affittacamere
  •  Visualizza tutti

Potete muovervi sulla mappa usando le frecce o trascinando la mappa con il mouse, usare lo zoom cliccando sul + o sul - sulla sinistra della mappa e le opzioni "mappa" "satellite" o "ibrida" per cambiare il tipo di visualizzazione.

Descrizione dell'itinerario in moto

Partiamo da Isernia, città caratterizzata da numerose chiese e palazzi, e prendiamo la SS17 fino a Ponte Fittola attraversando i paesini di Colle Croce Secondo, Castelluccio e Rionero Sannitico.
Arrivati a Ponte Fittola giriamo a sinistra immettendoci nella SS83 e passando per Alfredana arriviamo a Barrea.
Barrea è una località turistica molto nota grazie alla presenza del lago di Barrea e al fatto di essere uno dei centri principali del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise è il secondo Parco Nazionale più antico d’Italia, noto a livello nazionale per il ruolo avuto nella conservazione di alcune tra le specie faunistiche italiane più importanti, lupo, camoscio d'Abruzzo ed orso bruno marsicano.

Dopo aver visitato il parco, ed aver assaggiato qualche prodotto locale, possiamo riprendere il nostro viaggio in direzione Opi, percorrendo sempre la SR83, attraversando il paesino di Villetta Barrea.
Il paese di Opi (AQ) figura tra I borghi più belli d'Italia.

Da qui ci dirigiamo a Pescasseroli, ubicata in una conca nel cuore dei Monti Marsicani.
E’ il centro principale del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise di cui è anche la sede amministrativa centrale.
Gode di un clima freddo in inverno e fresco d'estate ed è sede anche dell'omonima stazione sciistica posta a pochi chilometri dal centro abitato lungo le pendici del Monte delle Vitelle (1966m).

Da Pescasseroli ci dirigiamo in direzione Pescina attraversando i paesini di Valle Chiara, Ponte Campomizzo, Gioia Vecchio, Gioia dei Marsi e Venere.
Pescina si trova nella piana del Fucino, essendo ubicata in un’area pianeggiante il paese presenta un clima più mite rispetto alla media delle città abruzzesi.

Da qui possiamo dirigerci direttamente alla tappa finale del nostro viaggio: Avezzano; arrivati al capolinea della SR83 ci immettiamo nella SS5 e, attraversando i paesi di Palerno e San Pelino arriviamo alla meta.
Numerose sono le chiese e i palazzi da visitare in questa città, ad esempio:

• La Cattedrale dei Marsi dedicata al Protettore di Avezzano San Bartolomeo.
• Il santuario della Madonna di Pietraquaria, sul Monte Salviano, devotamente ricostruita dal popolo avezzanese agli inizi dell'Ottocento su una base del Duecento.
• Le chiese di Madonna del Passo, della Santissima Trinità, di San Pio X e dello Spirito Santo.
• Il Memorial ai piedi del Monte Salviano, eretto in ricordo delle 9.238 vittime del terremoto del 1915, drammatico evento sismico, che colpì l'intera area della Marsina. Fu uno dei più catastrofici terremoti avvenuti sul territorio italiano.
• Le villette in stile Liberty situate nel centro della città.
• Il Municipio, di architettura ispirata alle ville toscane del Quattrocento.
• L'ampia e luminosa piazza Risorgimento a pianta rettangolare, dotata di una fontana circolare.

Avezzano è rinomata per la produzione di vini rossi di vite Montepulciano.
Una menzione a parte merita il vino cotto, bevanda invernale avezzanese. Vino rosso, in genere montepulciano, bollito in una scodellina e bevuto ancora caldo con aggiunta di chiodi di garofano, scorze d'arancio e miele.

Strutture nelle vicinanze dell'itinerario